#atletaairaggix Alberto Brini, un gradino dopo l’altro

Dopo il Politecnico a Torino, dove ha studiato matematica per l’ingegneria, oggi Alberto Brini vive a Eindhoven, in Olanda, dove sta portando a termine il dottorato. Siamo riusciti a intervistarlo, mentre si concedeva una vacanza, approfittando del rientro in Italia per disputare i Campionati Italiani Indoor.

Preparati, però, interamente outdoor. «Sì, il che significa che l’asta l’ho preparata molto poco, perché a Eindhoven mi alleno solo all’aperto e non è praticabile».

Nonostante la preparazione non perfetta, però, è andata alla grande. «Sono molto contento di essere riuscito ad essere nei primi 10. È vero che poteva esserci qualcosa di meglio del 7° posto, a impostare il 1000 finale diversamente, ma anche così è stato un miglioramento rispetto al mio punteggio di accredito».

Un 1000, per chi non avesse visto la gara, che Alberto ha “tirato” a suo fratello per impostare da subito il ritmo, per staccare gli avversari e andare in cerca del tempo che portasse Michele sul podio, dopo che la sua caccia ai punti aveva subito una battuta d’arresto per la caduta nell’asta.

Alberto si racconta con sincerità al 100%. «Ho deciso io di aiutare mio fratello. È nato tutto dall’asta, è la seconda volta in cui lo vedo cadere e mi sono un po’ spaventato, temevo si fosse fatto male. Sapevo che ci sarebbero voluti almeno 20 / 30 cm in più per affrontare l’ultima prova con più tranquillità, così abbiamo deciso di rischiare il tutto per tutto nel 1000: passaggio in , gli ho detto “Michi tu stammi attaccato, poi quando vedi che non ne ho più cerca di cambiare e vai fino in fondo”. Nelle gambe penso comunque di avere un 2’45”».

Nessun rimpianto. «Assolutamente, l’anno scorso Michele mi aveva tirato un 1500 in Olanda per il mio personale come tre anni fa, quando cercavo il minimo. Ad Ancona io mentalmente avevo già vinto la mia sfida. Non alleno l’asta, d’inverno, e la misura d’ingresso era il mio personale. Tolta quella prova ero tranquillo, mi ero liberato dell’ansia che mi ha sporcato purtroppo la partenza sui 60 e sui 60 hs». A questo punto, chi conosce atleti e allenatori della nostra società, riconoscerà anche l’impronta del tecnico che ha seguito Alberto quando ancora studiava a Torino, Dario Pasi: parola d’ordine, chiedersi “cosa posso migliorare”. «Ciò non toglie che i blocchi siano per me comunque da sistemare, così come il peso, ma i lanci in riscaldamento penso siano stati i migliori e questo mi fa ben sperare. Se mi sblocco anche nell’asta, posso guadagnare tanti punti».

L’obiettivo è continuare e migliorare, anche se sei un atleta-lavoratore e non sei più giovanissimo. «Pensavo di andare ad Ancona giusto perché avevo il minimo, invece gareggiando mi sono sentito bene, nei salti, nei lanci mi riuscivano i movimenti senza accorgermi di quel che facevo».

Una bella soddisfazione dopo le difficoltà… e dopo tanti anni in cui non hai mai “mollato” l’atletica. «Ho avuto qualche problema fisico quando ancora ero a Torino e mi seguiva a distanza Dario. Poi ha iniziato ad allenarmi Chiara (Ansaldi, che al momento segue anche Andrea Cavini, altro imolese “distaccato” a Torino) e ci sono voluti un paio d’anni di assestamento per ingranare, anche perché nel frattempo mi sono trasferito in Olanda. Anche essere da solo e farmi allenare “a distanza” non è stato facile, per qualche anno ho inseguito il fantasma del minimo per gli italiani che non arrivava mai. Ora finalmente sembra che ci siamo infilati. Anche a 27 anni l’atletica è sempre “nuova” da vivere, è come una scala che va avanti e non ti accorgi di aver fatto lo scalino fino a quando non l’hai scavalcato».

 

Irene Dottori

Lascia un commento

Your email address will not be published.