Categoria: Allievi

Campionati Italiani Allievi: Atletica Imola Sacmi Avis decima società in Italia

Da venerdì 11 a domenica 13 settembre sono andati in scena a Rieti i Campionati Italiani Allievi: gli atleti imolesi hanno mantenuto le aspettative della settimana scorsa, quando ai campionati regionali avevano guadagnato otto vittorie e altri 5 piazzamenti sul podio.

I risultati più importanti vengono ancora una volta dal gruppo lanci, per i quali bisogna ringraziare i tecnici Maurizio Strazzari e Luca Zanelli. I lanciatori favoriti per un piazzamento in finale non tradiscono le attese (Marco Fabbroni nel martello, Lorenzo Morara nel giavellotto e Jacopo Maccarelli nel disco), mentre non riescono nell’impresa i martellisti Vittorio Ragazzini (24° con 44.16m) e Giorgia Strazzari (Atletica Lugo, 21^ con 42.44m, a poco più di un metro dal proprio primato).

Marco Fabbroni dopo il sesto posto ai Campionati Italiani

In finale tutti i lanciatori si fanno valere: il primo a scendere in pedana è Marco Fabbroni, che dopo un primo lancio lontano dai suoi standard e uno nullo trova un’ottima serie: 56.65, 57.14, poi un altro nullo e un 56.46; Marco era entrato in finale lanciando l’attrezzo a 57.98m, che migliora il primato personale fatto segnare la settimana precedente. Il 57.14 con il quale si piazza al sesto posto è quindi la sua terza migliore di sempre.

 

Lorenzo Morara, invece, dopo un ingresso in finale con la decima misura, mette subito le cose in chiaro: con due identici 59.66 si inserisce subito al quinto posto; all’ultimo lancio, poi, il capolavoro: 60.46, record personale e imolese allievi migliorati di 46 centimetri e quarto posto. Purtroppo il podio era inarrivabile: per il bronzo si doveva lanciare sopra i 64 metri.

L’ultimo lanciatore in pedana è il discobolo Jacopo Maccarelli: anche lui migliora il proprio record personale (fatto la settimana scorsa) in qualificazione portandolo a 44.31m; in finale si migliora ancora lanciando a quasi 45 metri (44.98, con un altro ottimo 44.96) piazzandosi al sesto posto. Un ottimo risultato anche per lui, iscritto con il tredicesimo accredito. Continua a leggere

Tanti personali, Gaddoni 3° all-time degli 800m

Al trofeo Crotti – memorial Ruggeri di Modena, lo scorso mercoledì 9 settembre, tanti i portacolori dell’Atletica Imola Sacmi Avis presenti e numerosi i record personali abbattuti. Una serata positiva, nel complesso, che conferma il lavoro svolto in questi mesi pur con le difficoltà della quarantena e del distanziamento. A spiccare è il risultato di Riccardo Gaddoni sugli 800 metri: con 1’51”17 “polverizza” il precedente primato personale e conquista il terzo tempo imolese all-time, dietro a Francesco Conti e Federico Mengozzi. Sulla distanza in gara anche il lughese Lorenzo Landi 1’59”68 e il velocista Francesco Bussolari, all’esordio con 2’10”30.

Sui 100 metri buon risultato per Denis Libofsha con 10”94, Andrea Mazzanti (11”31, corso dopo aver disputato 5 salti nella gara di lungo, è il suo miglior tempo degli ultimi anni) e Gianni Bonetti al personale con 11”38; presenti anche Lorenzo Pederzoli (11”62) e Gabriele Ricci, che sfonda il muro con il nuovo personale di 11”99. Nel giro della morte 51”67 per Davide Casacci ed esordio per Jacopo Ingraito con 52”89, mentre sulle siepi, gara ad invito fulcro della manifestazione, l’Atletica Imola schiera Riccardo Dall’Osso. Sui 110 ostacoli juniores Martino Filippone centra il personal best di 15”20, a conferma del lavoro che sta svolgendo con serietà e dedizione, buon banco di prova in vista di Grosseto.

Donne imolesi in forza all’Icel Lugo. Sui 100 metri PB per Valentina Bonetti che ferma il cronometro su 13”07, seguita dalle compagne di allenamento Alice Santi (13”61) e Martina Romagnoli (15”09). Negli 800 presente solo Irene Dottori, che dopo lo stop dello scorso inverno corre in 2’24”11. In gara anche le lughesi Valentina Bianchi (100 m e 100 hs), Rebecca Scardovi (100 hs e salto in lungo), Chiara Giovannini (100 m) e Erika Bolognesi (400 m).

Campionati regionali allievi: tredici podi di cui 8 vittorie per l’Atletica Imola

Sabato 5 e domenica 6 settembre sono andati in scena a Modena i campionati regionali allievi, per scaldare i motori in vista dei Campionati Italiani di categoria che si terranno a Rieti il prossimo weekend. Gli atleti imolesi hanno ben figurato conquistando otto vittorie e migliorando molti record personali. I risultati principali vengono dal settore lanci, a conferma dell’ottimo lavoro svolto dal tecnico Maurizio Strazzari, e dal mezzofondo.

Jacopo Maccarelli (foto Marastoni)

Nel lancio del martello doppietta imolese con Marco Fabbroni che vince il titolo regionale con 57,55m e

 

Vittorio Ragazzini al terzo posto con 43.80: per entrambi si tratta del primato personale. Nel lancio del disco Jacopo Maccarelli vince il titolo regionale spostando il proprio limite a 42.85m e nel giavellotto vittoria mai in discussione per Lorenzo Morara con 59.89m, non lontano dal proprio record imolese allievi (60.00). Nel getto del peso Giovanni Cavolini si piazza al quinto posto con 9.46m.

Nei 1500 titolo regionale per Riccardo Ghinassi in 4’05’’88 (seconda prestazione di sempre). Davide Lanconelli pareggia al centesimo il proprio primato personale (4’14’’15, identico tempo corso a Rubiera a luglio): purtroppo non riesce per pochissimi centesimi a centrare il minimo per i campionati italiani, fissato a 4’14’’00. Da menzionare inoltre Jacopo Torri al settimo posto in 4’28’’74, primato personale e prima volta sotto i 4’30’’. Negli 800 Mattia Turchi vince il titolo regionale abbattendo per la prima volta il muro dei 2 minuti: 1’59’’69 il suo risultato. Torri corre 2’11’’93 per

Riccardo Ghinassi e Davide Lanconelli (foto Marastoni)

l’undicesimo posto, non lontano dal suo primato di 2’10’’86. Ghinassi dopo il titolo sui 1500 vince la medaglia d’argento sui 3000 correndo in 8’59’’02 (seconda migliore prestazione di sempre) dopo un primo chilometro molto lento; al personale Lanconelli, quarto in 9’12’’25. Continua a leggere

Il ritorno del mezzofondo (e non solo)

È tornato anche il mezzofondo, e subito i nostri ragazzi hanno fatto registrare risultati importanti. Quello di questo fine luglio è un Riccardo Gaddoni a due facce: il classe ‘99 trionfa al Meeting Dallavo di Cles del 28, vincendo nei 1500 (gara a cui era iscritto anche Simone Bernardi, sesto nella batteria ad invito con 3.58.57) con uno strepitoso 3.53.94, che significa personal best.

Il giorno dopo al TAC di Imola, tuttavia, il mezzofondista di casa – comprensibilmente stanco per il viaggio e soprattutto per la super gara di 24 ore prima – fa registrare un relativamente scialbo 8.50.92 nei 3000 metri; ad aggiudicarsi l’oro è invece un ottimo Luis Matteo Ricciardi, che centra un sorprendente 8.33.08 (record personale). Molto bene anche i giovanissimi Riccardo Ghinassi (sesto con 8.56.03) e Davide Lanconelli (undicesimo con 9.12.75): entrambi i classe 2003 riescono nell’impresa di abbassare notevolmente i rispettivi PB. In gara anche Ferdinando Dipaola (9.46.23) e Matteo Biagi (10.10.03). Da segnalare, sempre nei 3000 – ma sul fronte femminile – il buon esordio di Sara Morini (11.55.86), mentre torna a cimentarsi nella specialità Nadiya Chubak (quinta con 11.15.82). Infine, per quanto riguarda il TAC del Romeo Galli, erano in programma anche i 1000 metri, riservati a ragazzi e cadetti. Nel chilometro, tra le ragazze, brilla Sofia Ferrari della Calcestruzzi Corradini (3.10.96), mentre per i colori dell’Atletica Imola Giada Martelli stoppa il cronometro a 3.32.85. Per quanto riguarda le cadette, Lovepreet Rai termina quarta con 3.15.47; in gara anche le imolesi Alice Visani e Asja Cilini e le lughesine Giulia Conti e Tessa Cristoferi. Infine i cadetti: la sfida viene dominata dall’etiope Abrham Angino Asado della Polisportiva Centese con un impressionante 2.41.09, seguito da Luigi Aquilino (Sasso Marconi, 2.48.51) ed Edoardo Castiglioni (Edera Forlì, 2.49.34). Portacolori del Lugo è Simone Bandini, che chiude undicesimo con 3.13.82.
Spostiamoci, per concludere, in quel di Parma, dove in contemporanea al meeting di Cles si è svolto un altro test di allenamento certificato. Per i nostri colori Davide Casacci centra un buon 11.25 nei 100, tempo che gli vale il quarto posto, ma può ritenersi soddisfatto anche il giovane Filippo Terzi (11.48, a pochi centesimi dal personale). Nei 400, a sorpresa, si cimenta il fondista Gianluca Scardovi, che alla sua prima assoluta nel giro di pista ferma il cronometro a 57.93.

Astisti in raduno dal 21 al 24 luglio

Nonostante la cancellazione dei raduni ufficiali organizzati ogni anno dalla Federazione, i saltatori e saltatrici con l’asta dell’Atletica Imola Sacmi Avis e dell’Atletica Lugo non si sono dati per vinti: sotto la guida della loro allenatrice Sara Betti hanno passato quattro giorni (dal 21 al 24 luglio) presso il Palazzetto dello Sport a Cervia in pista…e al mare! 

Continua a leggere