«Atleta ai raggi X», curiosità sul velocista Andrea Cavini

Questa settimana l’ospite della rubrica «Atleta ai raggi X» è Andrea Cavini.  Conosciamolo meglio!

Data di nascita. 28 dicembre 1996

Disciplina. Velocità (60-100-150-200)

Come ti sei avvicinato al tuo sport. Tanti anni fa grazie alla professoressa Bianca Cristina Berardi che notando i risultati alle gare scolastiche mi chiese se volessi provare l’atletica

A quale atleta ti ispiri. Domanda difficile, ad essere sincero non ho mai avuto un vero e proprio idolo. Certamente Lorenzo Bilotti è stato un grande esempio, tutt’oggi gli chiedo sempre consigli e di allenarci insieme. Da lui c’è solo da imparare

Giornata tipo. La mia giornata tipo fino a qualche mese fa era divisa essenzialmente in due parti: sveglia alle 7:30, partenza per Forlì, lezioni all’università, allenamento, cena alle 9  ed uscita con gli amici (non sempre ovviamente) e poi letto. Ora la mia routine è un po’ cambiata, a breve dovrei laurearmi in Ingegneria Aerospaziale, quindi ho un po’ più di tempo “libero”

Sogno nel cassetto.La stagione 2017-2018 mi ha regalato tantissime soddisfazioni. In primis il minimo per i Campionati italiani di categoria indoor e outdoor. Quest’anno cercherò di dare il massimo per raggiungere un obiettivo un po’ ambizioso, ovvero il minimo per gli Assoluti. L’importante però è continuare a divertirsi.

Musica preferita.  Essenzialmente ascolto di tutto, il genere dipende molto dal momento e dal mio stato d’animo.

Cantante preferito/a. Imagine Dragons

Film preferito. «Interstellar» di Christopher Nolan

Attore/attrice preferita. Leonardo di Caprio

Sportivo preferito. Alex Zanardi

Altri sport seguiti o praticati. Amo la Formula 1 ma seguo praticamente tutti gli sport

A tavola non rinuncio mai ad… Un bel piatto di pasta e alla carne alla griglia

Cosa fa quando non sei in pista. Al momento passo gran parte della giornata a studiare, di sera invece sono spesso fuori con il mio gruppo di amici

Ricordo e gara più bella. Come ricordo sicuramente il titolo italiano universitario della 4×100 con il Cus Bologna, mentre gara più bella è stata ad Agropoli 2018

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.