Category: campionato italiano

BUONE PROVE MA NESSUN ACUTO AI CAMPIONATI ITALIANI

Dal 7 al 9 settembre lo stadio Adriatico di Pescara è stato teatro dei Campionati italiani Assoluti su pista. Nessun acuto per l’Atletica Imola che, però, ha visto Alessio Costanzi, nel disco, con la misura di 48.48, centrare il personale e il nuovo record imolese.

Alessio Costanzi nuovo primatista imolese

Alessio Pagnini, invece, a causa di problemi fisici ha chiuso 25° nei 400 (50’’24), mentre Michele Brini, vera punta di diamante della spedizione imolese, non ha preso parte alla sua gara. Infine le staffette: la 4×100 (Zinoni, Mazzanti al posto di Bilotti impegnato nel bob, Ghilardini, Cavini) si è comportata molto bene arrivando 12° (42’’32) e la 4×400 (Pagnini, Bernabei, Ghilardini e Grandi), invece, dopo aver ottenuto la qualificazione ai Campionati per pochi centesimi, ha terminato la sua gara al 15° posto (3’23’’70).

Terminata la campagna in Abruzzo, l’Atletica Imola ora sarà impegnata il 15 e 16 settembre ai Campionati regionali di società Allievi/e a Modena, con i quali si può ottenere la qualificazione alle finali nazionali in programma il 29-30 settembre (probabilmente la nostra formazione sarà nella finale Interregionale «Adriatico» di San Benedetto del Tronto). A Modena, in quell’occasione, si assegneranno anche i titoli regionali individuali Juniores e Under 23.

Bronzo per Daniele Dottori ai Campionati italiani individuali Master

Daniele Dottori

Nel weekend (29 giugno-1 luglio) si sono svolti ad Arezzo i Campionati italiani individuali Master.

Grande prova del portacolori dell’Atletica Imola Sacmi Avis Daniele Dottori (1960) che nei 1500 (categoria SM55) ha chiuso con una fantastica medaglia di bronzo in 4’42’’76, sfiorando l’argento di pochi centesimi.

Sulla pista toscana era presente anche Gian Paolo Benati (classe 1968) che nei 100 metri (categoria SM50) ha corso in 13’’06, finendo al secondo posto nella sua batteria e al 23° posto finale.

Martino Filippone si migliora ancora!

Martino Filippone  con 8.36 abbassa il suo personale di 8.39 che aveva siglato meno di un mese fa

Martino Filippone con 8.36 abbassa il suo personale di 8.39 che aveva siglato meno di un mese fa

Ai Campionati Italiani Allievi Indoor, che si sono svolti ad Ancona, Martino Filippone, per come sta facendo dall’inizio della stagione indoor, sì è migliorato ancora con l’8.36  sui 60h che per un solo centesimo non gli ha permesso di disputare la finale per il primo posto, il suo risultato gli vale comunque il nono posto nella classifica finale. La giornata era iniziata subito bene, nelle batterie di qualificazione aveva vinto con 8.40 mentre nelle semifinali pur  migliorandosi non è riuscito a raggiungere la finale. Altra bellissima prestazione è stata quella della staffetta 4×1 giro composta dai due fratelli Mattia e Michele Rondinelli,  Ossama Kniya e Ravagli Gabriele. La nostra formazione si era presentata a questi Campionati con uno degli ultimi tempi di iscrizione ma i bravissimi allievi imolesi si sono migliorati di un secondo e mezzo riuscendo a vincere la loro batteria piazzandosi così all’11° posto tra 24 squadre partecipanti. Altro presente a questi Campionati è stato Giacomo Costa, 19° nei 5 km di marcia in 26.03, arrivando molto vicino al personale.

Medaglie per i nostri ai Campionati Italiani Indoor Junior e Promesse!

Due argenti per Simone Bernardi nella categoria Promesse

Due argenti per Simone Bernardi nella categoria Promesse

Un oro, due argenti e tante belle prestazioni dei nostri portacolori ai Campionati Italiani Indoor Junior e Promesse che si sono appena conclusi ad Ancona. Della bellissima prestazione di Marta Morara nell’alto di si è già parlato ma dobbiamo aggiungere che la vittoria di ieri le vale anche la convocazione nella rappresentativa nazionale al Triangolare Italia, Francia, Germania che si svolgerà tra quattro settimane a Nantes. Simone Bernardi nella categoria promesse è stato un protagonista sensazionale nelle gare di mezzofondo conquistando ben due argenti, sempre alle spalle di uno dei protagonisti assoluti di questa edizione dei Campionati,  Meslek Ossama dell’Atletica Vicentina. I tempi realizzati da Simone raccontano che entrambe le gare sono state tattiche, 3.55.64 nei 1500 e 8.24.16 nei 3000. Tra gli junior è stato invece Riccardo Gaddoni il nostro miglior portacolori con due gare molto belle, sabato è arrivato quinto nei 1500 in 3.57.01 mentre domenica si è davvero superato negli 800, sfiorando il podio con 1.53.10, quarto posto, record personale e minimo per i prossimi Campionati Italiani Assoluti Indoor. Sara Ronchini, la velocista junior in gara nei 60 e 200 piani, si è portata a casa il personale nella prova più corta con 7.80 e un quinto posto nel giro di pista in 24.95.

Riccardo Gaddoni centra il record personale negli 800

Riccardo Gaddoni centra il record personale negli 800

Enrico Ghilardini conquista invece il settimo posto nei 200 in 22.23 e 50.28 nei 400 che gli vale il nono posto. Catia Solaroli ha corso i 1500 e gli 800 nella categoria promesse piazzandosi 7° in 4.41.289  e 9° in 2.18.23.  Ci piace ricordare che anche Francesco Lama, ora portacolori dell’Aeronautica Militare  si è fatto onore nell’asta, l’argento conquistato con 5.20 gli vale la sua seconda miglior misura di sempre.

Secondo titolo italiano indoor Juniores consecutivo e nuovo personale per Marta Morara

Grandi notizie arrivano dai Campionati italiani indoor Juniores e Promesse di Ancona dove, tra oggi e domani, sono impegnati alcuni dei nostri atleti. In questa giornata d’esordio, infatti, nel salto in alto JunioresMarta Morara non ha deluso le attese e ha conquistato nuovamente, dopo il successo del 2017, il titolo nazionale con la misura di 1.79, che rappresenta anche il suo nuovo personale assoluto (sia al coperto che outdoor).

Marta Morara

Marta Morara

Marta è partita con un’agevole 1.65, ha impiegato due tentativi per superare 1.69, poi non ha avuto nessun problema sia a 1.72 che a 1.74. Le principali avversarie si sono fermate proprio a 1.72 e perciò arrivare, dopo un errore, al record è stata la classica ciliegina sulla torta. Poco importa se ha chiuso con tre errori consecutivi a 1.82.