Cds Assoluti, il mezzofondista Riccardo Gaddoni: «Che bello il tifo del pubblico imolese, carichi per la Finale Argento»

Anche il mezzofondista Riccardo Gaddoni è stato tra i protagonisti, sabato 1 e domenica 2 giugno, nella seconda ed ultima fase regionale di qualificazione dei Cds Assoluti che si è svolta allo Stadio Romeo Galli di Imola. La sua prestazione nei 1500 (3’56”73), oltre a valere l’oro, è servita soprattutto per portare tanti punti alla causa della società che, alla fine della due giorni di gare, è risucita a staccare il pass per la Finale Nazionale Argento che si terrà, sempre a Imola, il 15 e 16 giugno.

Riccardo, quanto sei contento della tua prestazione?

«Molto.  Non ero, comunque, troppo sicuro della mossa di andare a tirare nel secondo giro, perché visto anche il caldo avevo paura di “scoppiare”. Quando ho lanciato la volata fisicamente, però, mi sentivo molto bene. Mi sono girato lo stesso per controllare la situazione e per paura che gli avversari si rifacessero sotto, ma devo dire che il tifo di casa ha aiutato molto».

Domenica, invece, ha fatto da «lepre» a Francesco Conti che poi ha vinto gli 800.

«Anche domenica mi sentivo molto bene e avevo recuperato lo sforzo. Appena partito, però, non mi sentivo al 100%, perché non ho preparato particolarmente ritmi così forti, ma continuando a correre (e passando sotto la tribuna, con mezza squadra a tifare) le sensazioni sono migliorate. Quando mi sono fermato ai 600 metri (il mio tecnico Vittorio Ercolani mi aveva detto di fermarmi, per non stancarmi troppo in vista dei Campionati Italiani di Rieti) stavo piuttosto bene, addirittura da pensare che se l’avessi finita avrei fatto il personale. Impossibile, però, tenere il passo di Conti».

A proposito, com’è il rapporto tra voi due?

«Credo che sia quasi un mito tra noi ragazzi più “giovani”.  Questo per tutti i titoli italiani, le convocazioni in nazionale e gli ottimi risultati che ha ottenuto. Purtroppo in questo momento non riusciamo ad allenarci spesso insieme perché abbiamo orari ed esigenze diverse tra università e studio, però nelle occasioni che contano siamo presenti e ci aiutiamo (domenica è stata la seconda volta che gli ho fatto da lepre, mentre lui mi ha tirato perfettamente due settimane fa, quando ho fatto il personale sui 1500). A mio parere è fondamentale avere un compagno di squadra di alto livello. E’ una grande fonte di ispirazione e motivazione, può dare molti consigli sulla gestione delle gare e degli allenamenti e sui rapporti con altri atleti e tecnici.

Com’era l’atmosfera al Galli?

«Fantastica! Purtroppo non sono riuscito a stare al campo per tutta la durata delle gare, ma c’era un tifo pazzesco che secondo me è stato il valore aggiunto per poi riuscire a ottenere la qualificazione».

Dopo i Campionati italiani Juniores e Promesse vi aspetta la Finale Argento sempre al Galli. Obiettivi?

«Personalmente dopo la prova di qualificazione ho avuto sensazioni ottime in vista delle prossime gare. Sinceramente, però, non so quali siano gli obiettivi della società. Credo però che abbiamo buone potenzialità per fare bene, aiutati anche dal fatto che giochiamo in casa, e possiamo sfruttare le nostre punte di diamante. Sarà importantissima la presenza del pubblico e spero che ci sia molta gente a tifarci. A livello individuale, invece,  conosco soltanto alcuni atleti che potrebbero gareggiare contro di me. Sono molto forti ma sono fiducioso sui miglioramenti visti quest’anno, in particolare nelle ultime settimane. Cercherò di prolungare la striscia di buoni risultati visti sia in gara che in allenamento dopo la prima fase dei Cds, che invece è stata piuttosto deludente: io e il mio allenatore siamo molto carichi e siamo certi di poter fare una buona prova».

Lascia un commento

Your email address will not be published.