Italiani indoor allievi, Cilini e Rai a podio. Altro argento per Ferrucci a Parma.

Sabato 19 e domenica 20 febbraio due giovani atlete imolesi, Asja Cilini e Lovepreet Rai erano in gara ai Campionati Italiani Allievi indoor al Palaindoor di Ancona, guadagnando due ottimi podi entrando nelle prime otto posizioni.

Campionati Italiani Allievi Indoor 2022, Ancona
19-20.02.2022 (Foto Grana / FIDAL)

Asja Cilini, marciatrice al primo anno di categoria allenata da Augusto Conti, dopo un’ottima prestazione sui 10km 55’36’’ a inizio febbraio. Asja ha concluso la prova dei 3000 metri al settimo posto con un ottimo 15’41’’77, distruggendo il precedente primato indoor di ben 24 secondi (16’05’’03) e arrivando a quattro secondi dal personale outdoor. Con questo risultato Asja ha ben tre piazzamenti consecutivi nelle prime otto ai campionati italiani, con il settimo posto al Criterium Cadetti 2020 e l’ottavo del 2021; in tutte queste tre gare la nostra atleta ha segnato il proprio primato personale.

Qualche ora dopo la mezzofondista Lovepreet Rai è scesa in pista sui suoi 800 metri, nella serie sulla carta meno accreditata. “Sara” (come è soprannominata al campo sportivo) ha corso in maniera molto intelligente, facendo selezione a 300 metri dall’arrivo e subendo soltanto la volata dell’unica avversaria che non era riuscita a staccare. Il crono di 2’18’’06 è il suo primato personale indoor a mezzo secondo da quello all’aperto; i risultati delle atlete nella serie successiva fanno salire Sara all’ottavo posto in classifica, per il suo primo podio in carriera ai Campionati Italiani. La stagione indoor di Sara è stata ricca di soddisfazioni, in quanto è riuscita a migliorare per due volte il primato personale indoor negli 800 con due risultati sotto al 2‘19’’ (il precedente era oltre i 2’22’’) e avvicinandosi al muro del minuto sui 400 con un ottimo 1’00’’20.

Al PalaLottici di Parma scendono invece in pedana i saltatori con l’asta: Federico Ferrucci ottiene un’altra medaglia d’argento dopo il secondo posto ai Campionati Regionali Assoluti con 3,80 metri, con Luca Ghini quarto con 3,10. A livello femminile, Maya Parmiani e Martina Romagnoli superano la stessa misura di 2,60 metri (primato personale per entrambe), con Maya all’ottavo posto e Martina al nono per il minore numero di errori.

Fine settimana di Campionati Italiani e Regionali, Conti vincitore in Francia

Il fine settimana del 12 e 13 febbraio ha visto gli atleti dell’Atletica Imola molto attivi in diverse manifestazioni, con i Campionati Regionali Assoluti indoor a Parma, le prove multiple a Padova, i Campionati Italiani Master ad Ancona, i campionati invernali di lanci a Modena e la seconda prova del circuito giovanile di marcia.

Indoor:

Il clou del weekend è stato sicuramente il Meeting Metz Moselle Athelor, meeting internazionale svolto nella città francese al quale ha preso parte Francesco Conti sui suoi 800 metri. Francesco ha vinto la seconda serie del meeting con un buon 1’48’’23, suo secondo tempo di sempre indoor ma peggiore delle sue aspettative, anche a causa di un lepraggio non all’altezza. Il prossimo appuntamento verso il sogno dei Campionati Mondiali Indoor saranno i Campionati Italiani Assoluti del 27 febbraio.

Ai Campionati Regionali Assoluti di Parma, nello sprint (sulla distanza dei 50 metri a causa delle ridotte dimensioni dell’impianto), Matteo Rosadi si piazza al 23° posto con 6’’43, leggermente davanti al compagno Simone Ferrari (25° con 6’’45). Al femminile, Chiara Baldi è 14^ con 7’’08. Nei salti, Federico Ferrucci è d’argento nel salto con l’asta con 3,91m saltato al primo tentativo, poi tre errori alla quota successiva di 4,01 che avrebbe rappresentato il nuovo primato personale. Andrea Mazzanti è 12° nel salto triplo con 11,23m, mentre torna in pedana Matteo Rosadi nel lungo concludendo all’undicesimo posto con 5,65. Nel lungo femminile la migliore lughese è la velocista Stefania Di Cuonzo, quarta con 5,66m e seguita da Emma Billi (28^ con 4,40m), Chiara Baldi (32^, 4,29m), e con Giorgia Cava e Gaia Babini con lo stesso risultato di 4,14m, ma con la prima davanti per una seconda misura migliore.

A Padova si sono svolti invece i Campionati Regionali di prove multiple accorpando Emilia-Romagna, Veneto, Trentino e Alto Adige. La junior Guia Fattorini, al debutto nel pentathlon, si è classificata dodicesima nella classifica generale, quarta a livello assoluto della nostra regione e terza nella classifica di categoria. I suoi risultati sono stati 9’’75 nei 60 hs, 1,41m nel salto in alto, 8,23m nel getto del peso, 4,57m nel salto in lungo e 2’47’’47 negli 800.

Ad Ancona è invece scesa in pista Nadiya Chubak nei 3000 dei Campionati Italiani Master (categoria SF45), conquistando la medaglia d’argento con 11’04’’35.

Lanci:

Buoni risultati anche nella seconda prova dei campionati invernali di lanci. I nostri lanciatori hanno infatti portato a casa otto medaglie, con due ori, quattro argenti e due bronzi e diversi primati personali. Lorenzo Morara è primo tra gli Allievi/Juniores lanciando il giavellotto da 800g a 48,92m nonostante alcuni problemi fisici. A livello femminile vince anche Sophia Osayande nel lancio del disco riservato alla categoria Allieve/Juniores con 33,1 metri. Andrea Fagliarone e Marco Morini guadagnano due medaglie d’argento rispettivamente nel lancio del martello (51,82 metri) e del disco (34,16 metri). Argento anche per Jacopo Maccarelli nel disco Allievi/Juniores, che con 42,45 metri migliora il primato personale e ottiene il minimo per i Campionati Italiani; Alex Ticmeanu, allievo al debutto con i colori imolesi ottiene un buon 30,77m per il quinto posto finale. Nel martello Allievi/Juniores coppia imolese sul podio con Nicola Donati davanti a Vittorio Ragazzini per 43,65 a 43,33 metri. Al femminile, infine, primato personale e minimo per i campionati italiani sia per Giorgia Strazzari (terza con 39,47 metri) che per la compagna di allenamento Elena Ghini (5^, 38,42m); Giulia Tampieri è 8^ con 28,45m.

Marcia:

A Santarcangelo di Romagna si è infine svolta la seconda prova del circuito giovanile di marcia “Pino Dordoni”. Nei 2000 metri Ragazze vittoria per Francesca Grazioso con 11’55’’4, mentre nella stessa distanza al maschile è 6° Giacomo Martelli in 15’44’’. Nei 3000m Cadette medaglia d’argento per Beatrice Palmonari con 16’26’’, davanti a Sara Ragazzini (ottava con 19’06’’) e Aida Folli (nona con 19’39’’).

C.d.S. di cross a Castellarano: tre medaglie e due primi posti provvisori

Domenica 6 febbraio si è svolta a Castellarano (RE) la seconda prova dei Campionati Regionali di società di corsa campestre, in un percorso caratterizzato dalle lunghe salite.

I primi a scendere in campo sono i Master: tra questi, Daniele Dottori guadagna il secondo posto nei 4km della categoria SM60, che bissa l’argento della prova precedente sempre dietro al modenese Moracas.

Letizia Mengozzi, atleta al primo anno della categoria Cadette, non tradisce le aspettative del tecnico Ercolani che la vedeva avvantaggiata in un percorso duro: la sorella dell’ex ottocentista Federico conclude al terzo posto dopo essere arrivata quinta nella prova precedente; dietro di lei, le ottime prestazioni di Giada Martelli (12^), Viola Di Rienzo (14^), Rebecca Musto (21^), Anita Afflitti (39^), Eva Turrini (46^), Emma Cervellati (61^), Laura Papageorgiou (64^) e Giorgia Budini (75^) contribuiscono a rimontare punti su punti nella classifica per società, piazzandosi al primo posto a una gara dal termine, con dieci punti di margine sulla Corradini Rubiera.

Ottimo risultato di squadra anche dalla categoria Ragazzi, che guadagna ampio margine sulle squadre inseguitrici, confermandosi al vertice della classifica con ben 895 punti, 200 in più del Circolo Minerva che occupa la seconda piazza. Grazie alle ottime gare di Lorenzo Ghiselli (4°), Matteo Mazzini (10°), Davide Frascari (11°), Giulio Veronesi (13°), Manuel Malavolti (23°), Leonardo Tassinari (35°), ma anche di Alessandro Mele (40°), Jacopo De Marchi (50°), Leonardo Villa (57°), Ettore Montroni (58°), Leonardo Masciulli (62°), Giacomo Martelli (64°), Matteo Marabini (65°), Elia Knudsen (67°) e Gonzalo Bianconcini (70°) la squadra consolida la propria prima posizione con un consistente vantaggio prima dell’ultima prova.

Si fanno valere anche le coetanee, che si piazzano al quarto posto nella classifica di squadra a poche decine di punti dal podio con i risultati di Greta Bassi (17^), Francesca Grazioso (34^), Sara Suzzi (51^), Emma Venturoli (56^), Linda Bacchilega (58^) e Linda Assirelli (76^).

Nella categoria Cadetti Riccardo Nataloni conferma il nono posto della prova precedente, davanti a Daniel Sabatin Di Mario (50°) e Davide Pifferi (59°); la squadra ottiene così il quinto posto provvisorio.

A livello societario, con le categorie assolute che gareggiavano nell’ultima prova dei C.d.S., ottimo terzo posto della formazione Allieve targata Atletica Lugo, che nonostante l’assenza di Lovepreet Rai impegnata nelle indoor riesce a mantenere il terzo gradino del podio grazie a Tessa Cristoferi (14^), Giulia Conti (20^) e Serena Plazzi (21^).

Purtroppo Sara Morini non riesce a replicare l’ottimo podio visto a Cesena nella gara Juniores, ma porta comunque a casa un ottimo settimo posto. Gli uomini, invece, non riescono a mantenere il terzo posto conquistato a Cesena a causa della positività al Covid di Riccardo Ghinassi e all’infortunio di Nicola Lega. Nella categoria Promesse/Senior uomini, infine, buona prova di sacrificio di Michele Vanzetto, che termina al 44° posto.

Martino Filippone PB ai Campionati Italiani Under 23

Ancona, Campionati Italiani Indoor Junior e Promesse 

Si aprono le danze dei Campionati Italiani 2022: il primo appuntamento tricolore indoor è per gli Under 23 migliori d’Italia.

Tra le Promesse è Martino Filippone a portare in pista i colori dell’Atletica Imola Sacmi Avis, facendo segnare il nuovo record personale di 8”59 sui 60 ostacoli.

Sempre sugli ostacoli della categoria Promesse, ma al femminile, è la lughese Valentina Bianchi a correre in 8”80 in batteria, conquistando l’accesso alla finale delle migliori 8 della penisola dove conferma il crono.

Junior all’esordio, si comporta bene Anna Venieri, che corre i 60 hs in 9”44. Chiude il quadro dei velocisti Gianni Bonetti, 7”16 sui 60 piani per lo junior allenato da Dario Pasi, al primo anno di categoria come il mezzofondista Mattia Turchi: 1’58”66 sugli 800 metri non lo soddisfa, ma è comunque record stagionale per il mezzofondista di Vittorio Ercolani.

 

Padova

Alla manifestazione di Padova, invece, record personale di un secondo (8:24.08) per Matteo Luis Ricciardi sui 3000 metri. Buon 10° posto tra gli allievi dei 60 piani per Enrico Moses Yeboah. Ma è al femminile che arrivano i risultati migliori.

Sui 60 piani Stefania Di Cuonzo con 7”71 trova l’accesso alla finale, dove conferma la quarta piazza e abbassa il cronometro a 7”63, a soli 5 centesimi dall’ottimo 7”58 della scorsa settimana. Con lei Valentina Bonetti, Promessa al primo anno di categoria, si guadagna con 7”88 un posto in finale, dove però non riesce a migliorarsi e chiude all’8° posto. Anche per lei sono solo 5 i centesimi di distanza dal record stagionale. In gara sui 60 piani c’erano anche Chiara Baldi e Matilde Martinelli, impegnate anche nel salto in lungo: personale per l’allieva lughese che atterra a 4,34.

Asja Cilini nella marcia 3 km (16:05.03) conquista il primo posto tra le Allieve, al primo anno di categoria, arrivando 3^ assoluta, seguita dalla compagna di allenamento Alice Visani.

 

Massimo Cavini, presidente tra le stelle

Massimo Cavini, presidente tra le stelle

Sabato 29 gennaio – auditorium Enzo Biagi in Sala Borsa.

Si è svolta la cerimonia di consegna delle stelle al merito sportivo e medaglie al valore atletico.

Il nostro presidente Massimo Cavini è stato insignito della prestigiosa stella di bronzo per i meriti nel guidare la società agli importanti traguardi di rilievo nazionale e non solo. Dal 1984 detentore del record sociale sui 10.000 metri (30’00″00), Massimo Cavini è dal 2006 alla guida dell’Atletica Imola Sacmi Avis.

Il CONI ha conferito il riconoscimento ai dirigenti che hanno contribuito alla crescita e allo sviluppo delle federazioni e delle società sportive e agli atleti che hanno conseguito titoli italiani, europei o mondiali.

Oltre al sindaco Matteo Lepore e al delegato del CONI Point di Bologna Furio Veronesi, erano presenti il presidente regionale del CONI Andrea Dondi, il vicepresidente Andrea Vaccaro, l’assessore allo sport del Comune di Bologna Roberta Li Calzi, il viceprefetto Bianca Lubreto, il nuotatore delle Fiamme Oro Marco Orsi, il responsabile della pastorale per lo sport don Massimo Vacchetti.

La cerimonia, preannunciata nel 2019, era stata in seguito rimandata a causa delle restrizioni dovute all’emergenza Covid.