Campionati italiani juniores: primati per Bonetti e Turchi

Il fine settimana 8-9-10 luglio si sono svolti a Rieti i campionati italiani juniores, ai quali l‘Atletica Imola Sacmi Avis e l’Atletica Lugo hanno portato quattro atleti e sei atlete: Gianni Bonetti, Mattia Turchi, Vittorio Ragazzini, Marco Fabbroni, Giorgia Strazzari, Silvia Bovolenta, Ilaria Rubbi, Anna Venieri, Guia Fattorini e Alessandra Lipari. In particolare, Bonetti e Turchi si sono ben comportati migliorando i propri primati personali.

Gianni Bonetti scende in pista nella terza batteria dei 100 metri, correndo un fantastico 10’’87 (+1.6) e migliorando il primato personale precedente di quasi due decimi. Il quarto posto lo ammette di diritto alla semifinale, senza dover aspettare i risultati delle batterie successive. In semifinale un fastidio muscolare sentito dopo 30 metri di gara lo costringe a non spingere al massimo: nonostante l’esclusione dalla finale (si entrava con 10’’86, quindi sarebbe servito un ulteriore miglioramento) conclude comunque con un buon 11’’07 (-1.0) suo terzo miglior tempo personale di sempre con vento regolare.

Mattia Turchi corre invece nella seconda batteria degli 800. La gara si sviluppa a strappi e senza un ritmo costante: Mattia rimane inizialmente in coda, poi cerca di rimontare all’interno negli ultimi 300 metri e si trova imbottigliato. Il tempo di 1’55’’35 rappresenta il nuovo primato personale (precedente 1’55’’58) e lo colloca al 12° posto complessivo. L’ingresso in finale era possibile solo correndo una gara perfetta: l’ultimo tempo utile per il ripescaggio era 1’53’’47.

Rappresentanti imolesi presenti anche nel lancio del martello: Marco Fabbroni vince la prima serie (11° in totale) con 50,45 metri, primato stagionale, al primo tentativo; al secondo ottiene un discreto 49,02 mentre il terzo lancio è nullo. Il compagno di allenamenti Vittorio Ragazzini è invece 24° con 42,76 metri, purtroppo abbastanza lontano dal primato personale fatto segnare a maggio.

Per quanto riguarda l’Atletica Lugo buon nono posto per Alessandra Lipari nel lancio del disco con 34,75m fatto segnare al primo tentativo. Ilaria Rubbi nel peso è 12^ con un buon 10,09 metri, quarta migliore prestazione personale di sempre. Rimanendo ai lanci, 17° posto per Giorgia Strazzari nel martello con un ottimo 39,60 metri, terza miglior prestazione personale di sempre a 70cm dal proprio primato. Riguardo alle corse, invece, Anna Venieri e Guia Fattorini sono rispettivamente 17^ e 24^ nei 100 con ostacoli con rispettivamente 15’’34 e 16’’09; Silvia Bovolenta scende in pista sia sui 400 che sui 200 metri, senza andare però oltre al 29° (1’00’’70) e al 37° posto (29’’55).

Maltempo ma grande partecipazione e ottimi risultati al Memorial Conti

Giovedì 7 luglio si è svolto al Romeo Galli il 3° Memorial Franco Conti. Il protagonista soprattutto della seconda parte del meeting è stato il maltempo, con il temporale che si è abbattuto sullo stadio poco prima della partenza della prima serie degli 800 maschili. È doveroso un ringraziamento a tutti i volontari, giudici e spettatori per aver pazientemente aspettato che le condizioni metereologiche migliorassero.

La gara annunciata come clou era quella degli 800 metri, nella quale soprattutto al maschile erano annunciati atleti con primati personali inferiori a 1’48’’. Complici le previsioni meteo e la presenza di un’altra gara internazionale il giorno precedente, però, questi atleti non si sono presentati lasciando sì un livello più basso ma una gara più aperta. La gara, con la sesta e ultima serie partita con oltre 40’ di ritardo, viene vinta da Luca Giacominelli (Rigoletto Mantova), con una prova da front-runner in 1’53’’05 e che resiste al ritorno di Filippo Torresin (C.U.S. Ferrara, 2°) e l’atleta di casa Riccardo Gaddoni, terzo con rispettivamente 1’53’’24 e 1’53’’62. Nella stessa serie settimo posto per Luis Ricciardi (1’56’’38). Per quanto riguarda gli altri imolesi in gara: Riccardo Dall’Osso corre il primato personale di 2’05’’71 (20°), davanti ad Andrea Tinti (2’06’’80, 23°), Gianluca Scardovi (2’10’’17, 31°) e Daniele Dottori (2’26’’42, 42°).

La gara femminile degli 800 viene invece vinta dall’allieva Giada Donati (Libertas Forlì) in 2’15’’01, che supera sul finale l’azzurra dei 3000 siepi Laura De Marco (Brescia ’59, 2’16’’19) e la padrona di casa sempre della categoria Allieve Lovepreet Rai (2’16’’35). Per l’Atletica Lugo anche il 14° posto di Giorgia Bacchilega, al rientro su questa distanza dopo un anno, in 2’35’’31.

Gara di livello nel lancio del disco: al maschile Enrico Saccomano (Malignani Udine) ottiene il proprio primato personale di 60,99 metri (terzo posto nella graduatoria nazionale 2022); dietro di lui Alessio Mannucci (Aeronautica) con 59,36, mentre Luciano Boidi (Trevisatletica) si migliora con 43,15 per ottenere la medaglia di bronzo. L’imolese Marco Morini è quinto con 36,40. Tra gli Allievi vince Giorgio Radicchi (Endas Cesena) con il primato personale di 40,73, mentre l’imolese Alex Ticmeanu è terzo con 33,86. Presenza di “pro” anche nella gara femminile: Stefania Strumillo (Aeronautica) vince con 58,77, terza misura personale di sempre a un metro dal PB di sei anni fa. Al secondo posto Elena Sartori (Vittorio Atletica) ottiene il primato stagionale con 43,19, mentre Francesca Casprini (Lugo) ottiene la medaglia di bronzo con 40,81. Per l’Atletica Lugo si registra anche il quinto posto di Sophia Osayande con 32,02 (seconda miglior misura di sempre) e il primato personale di Giuditta La Torre di 31’37m, per il sesto posto finale.

Nel salto con l’asta maschile si migliora ancora Federico Ferrucci con 4,02 metri alla seconda prova, prima di tre tentativi sbagliati a 4,05.

Dominio di Andrea Ercolani Volta (Olimpus San Marino) nei 400 ostacoli, che conclude in 52’’71 a quasi tre secondi dal secondo classificato, Daniele Ruini (Corradini, 55’’56). Medaglia di bronzo per Filippo Amaretti (Edera Forlì, 56’’14), che supera di poco l’imolese Andrea Mazzanti in 56’’25 (terza migliore prestazione di sempre). Tra gli Allievi vittoria di Lorenzo Fazzi (Alga Atletica Arezzo) in 1’01’’93. Al femminile volata a due che vede Linda Moscatelli (UISP Siena) prevalere su Beatrice Berti (Olimpus San Marino), mentre conclude più staccata Francesca Amadori (Faenza) in 1’03’’61. Quinto posto per la lughese Benedetta Drago, al primato personale in 1’11’’18.

Sui 100 metri maschili vince Lorenzo Angelini (Avis Macerata), che con un vento contrario di 1.4 m/s conclude con un buon 10’’68. Dietro di lui lo junior Innocent Prati (Pontevecchio) conclude in 11’’24, mentre in una serie precedente Yannik Touré (Virtus Bologna) conclude con 11’’29 (-0.6) guadagnandosi il bronzo complessivo. Tra gli atleti di casa settimo posto per Enrico Yeboah Moses in 11’’38 (-1.1), seguito da Matteo Rosadi e Gabriele Ricci rispettivamente 16° e 22° (11’’61 e 11’’87, vento nullo), e da Francesco Venieri e Andrea De Noia, che concludono appaiati 12’’03 a 12’’04 (27° e 28°). Tra le donne Ilenia Carraro (Assindustria) vince con 12’’31 (-1.5), davanti ad Alice Manuzzi (Francesco Francia, 12’’47) e Carolina Levorato (Aristide Coin Venenzia), 13’’10 con ben -2.6 di vento. Per l’Atletica Lugo concludono appaiate Chiara Baldi, Alessandra Sabattini e Martina Goni, rispettivamente 17^, 18^ e 19^ con 14’’17, 14’’34 e 14’’36.

I 400 metri maschili vengono vinti da Alberto Montanari (Fratellanza) in 48’’48, davanti ad Alessandro Gasperoni (Olimpus San Marino) in 48’’64 e Michele De Berti in 49’’04. Il migliore imolese è Lorenzo Pederzoli (51’’99, 13°), davanti a Francesco Bussolari (55’’51, 19°), Ivan Passerini e Samuele Grillini (entrambi al primato personale in 56’’95 e 59’’31 per il 23° e il 26° posto). Anche la gara femminile è vinta da un’atleta della Fratellanza: Lisa Martignani con 57’’62 supera l’allieva Alicia Moroncelli (Santamonica Misano), che si migliora con 59’’35. Primato personale anche per Sofia Bucci (G.P.A. San Marino) terza in 59’’46. Primato personale anche per la lughese Carolina Gardelli, con 1’08’’16.

Il meteo non impedisce agli atleti dei 5000 di correre sotto ai 15’: Andrea Falasca Zamponi (Potenza Picena) supera in volata Lorenzo Dell’Orefice (Aterno Pescara) 14’39’’79 a 14’40’’18 (primato personale per Dell’Orefice). Per il terzo posto Stefano Floris (Cagliari Atletica Legge) regola il gruppo degli inseguitori in 15’29’’10. Si corre forte anche nella gara femminile, con tutto il podio che ottiene il personale: la vittoria va ad Arianna D’Alberto (Quercia Trentingrana) che in 18’07’’28 supera la padrona di casa Federica Cicognani (18’28’’44) e Monia Federici (Santamonica Misano) in 18’51’’64.

Nel salto in lungo maschile primo posto per Yannik Touré (Virtus Bologna) con 6,66 metri, davanti al compagno di squadra Daniele Ragazzi (6,47) e a Lorenzo Sichi (Pistoiatletica) con 6,16. Andrea Mazzanti dopo il 400 hs si cimenta anche nel lungo ottenendo 6,02 (6°), una posizione davanti all’ostacolista Martino Filippone che con 5,95m eguaglia il primato personale del 2018. Gara serratissima tra le donne: vittoria per la velocista lughese Stefania Di Cuonzo con 5,24, che supera Arianna Marocchi (Faenza) di un solo centimetro e Noa Rocchigiani (UISP Siena) di cinque. Per Lugo da evidenziare anche il sesto posto di Alessandra Sabattini (4,98), il decimo di Chiara Baldi (4,44, primato personale) e il 13° di Martina Goni (4,37).

Riccardo Casadio (Academy Ravenna) primeggia nel lancio del giavellotto con il primato personale di 51,88 metri, davanti a Luigi Della Torre (Prosport Firenze) con 51,09 e Giorgio Davoli (Virtus Bologna) con 49,57. Tra le donne Gloria Pavan (Vittorio Atletica) vince con 36,81, davanti a Chiara Paolin (Virtus Este) con 31,11 e Sabina Donati (Lugo) con 31,08. Tra gli Allievi buon 53,98 per Leonardo Caravita (Academy Ravenna), nella gara che vede il primato personale di Enea Zaccarini con 33,00, e 36,70 per Francesca Portioli (Rigoletto Mantova).

Meno una settimana al Memorial Conti 2022

Giovedì 7 giugno si disputerà al campo sportivo “Romeo Galli” la terza edizione del Memorial Franco Conti, meeting inserito nel calendario regionale ma con la possibilità di gareggiare anche per gli atleti iscritti per squadre fuori regione.

La manifestazione inizierà alle 19:00. Sono previsti tra i concorsi il salto con l’asta e il lancio del disco maschile, con il salto in lungo e il lancio del giavellotto sia al maschile che al femminile. Tra le corse, invece, in pista i 400 metri ostacoli (sia per gli allievi che per junior/promesse/senior), i 100, gli 800 e i 5000.

I primi tre classificati per gli 800 metri sia maschili che femminili avranno un premio in denaro offerto dalla famiglia Conti per ricordare il compianto Franco, scomparso il primo febbraio 2020: il vincitore e la vincitrice otterranno 120€, i secondi classificati 80 e i terzi 50.

La scadenza per le iscrizioni è fissata per le 24:00 di lunedì 4 luglio, mentre sarà possibile effettuare le conferme dalle 14:30 di mercoledì 6 alle 12:00 di giovedì 7. Si allega l’orario provvisorio, suscettibile di possibili cambiamenti per il numero di atleti in gara: l’orario definitivo sarà pubblicato entro le 14:00 di mercoledì 6 luglio.

Assoluti: argento Morara, bronzo Conti. Bene anche i decatleti

Nel weekend si sono svolti a Rieti i Campionati Italiani Assoluti, con un inedito meccanismo di qualificazione: per mantenere un livello alto e un ridotto numero di turni erano qualificati i primi cinque classificati al Challenge Assoluto svolto a Firenze il primo fine settimana di giugno e i primi 11 atleti nella graduatoria nazionale.

L’Atletica Imola Sacmi Avis vedeva impegnati Francesco Conti negli 800, ed Alberto Brini e Simone Ronzoni nel decathlon; per l’Atletica Lugo in pedana invece Marta Morara nel salto in alto, ed è lei che ha dato la migliore soddisfazione. Continua a leggere

Sacmi Avis Meeting: primati per Yeboah e Mazzanti. Alto livello nell’alto con Pieroni.

Giovedì 24 giugno è andato in scena il primo Sacmi Avis Meeting, manifestazione di livello regionale. Le condizioni della serata erano ideali ed hanno permesso di avere molte gare di livello, grazie anche all’aiuto del folto pubblico al Romeo Galli. Un doveroso ringraziamento va fatto a tutti i volontari impegnati nell’organizzazione, che hanno contribuito all’ottima riuscita dell’evento.

Sui 100 metri maschili exploit di Enrico Yeboah Moses, che si migliora correndo in 11’’14 e prendendosi il lusso di battere il compagno di allenamento Gianni Bonetti, undicesimo in 11’’17 (suo sesto tempo di sempre con vento regolare). Primato personale anche per Matteo Rosadi, 24° in 11’’54. A seguire al 37° posto Davide Venieri, che per un centesimo ha la meglio sull’omonimo (non sono parenti!) Francesco (11’’93 a 11’’94); Mattia Serotti è 43° in 12’’05 e Riccardo Lanzillotti 51° con il nuovo primato personale di 12’’40. Al femminile è 32^ Alessandra Sabattini (13’’85), 35^ Caterina Vanni (14’’03) e 36^ Martina Goni (14’’36). Nei 110 ad ostacoli medaglia d’argento per Martino Filippone in 15’’64, sua seconda migliore prestazione di sempre. Tra le donne (sui 100)  Anna Venieri corre in 15’’39, Guia Fattorini in 15’’73 (minimo per i campionati italiani juniores) ed Irene Gullini in 16’’30, mentre tra le Allieve primato personale per Benedetta Drago (16’’44).

Il gruppo dei 400isti con il tecnico Dario Pasi

Buoni risultati anche nel “giro della morte”, con un folto gruppo di 400isti cresciuti nella nostra società: grande prestazione di Andrea Mazzanti, al quarto posto finale con il nuovo primato di 51’’06 (precedente 51’’42); qualche decimo dietro Lorenzo Pederzoli con 51’’54 supera Mattia Turchi, che si migliora arrivando a 51’’75, per il 7° e 8° posto. Primato personale anche di Federico Ferrucci, che scende per la prima volta sotto ai 52’’5 correndo in 52’’43 (precedente 53’’08). Jacopo Torri conclude 29° in 55’’30, davanti a Francesco Bussolari (31° in 56’’01) e a Ivan Passerini (37° in 57’’03).

Nei 1500 vittoria in solitaria per Luis Matteo Ricciardi, che conclude con il suo secondo miglior tempo di sempre (3’51’’71). Al 17° posto Giovanni Rizzi in 4’15’’44 avvicina il primato personale fatto segnare la settimana scorsa, mentre Andrea Tinti (sì, Andrea Tinti!) è 35° in 4’38’’78. Daniele Dottori è 43° in 4’51’’83 davanti a Samuele Grillini (4’53’’71) e a Marco Caramalli (4’55’’04). Quarto posto tra le donne per Lovepreet Rai in 4’48’’62, terza migliore prestazione di sempre, dopo il primato personale e il tempo dei Campionati Italiani. Segue Nadiya Chubak, settima con un solido 4’59’’14, e 16^ Giorgia Bacchilega in 5’27’’26.

Per quanto riguarda i concorsi, quinto posto nel salto in alto per Enea Zaccarini con 1,75 metri; Gabriele Ricci si migliora nel triplo co 12,28 metri (8°), mentre Luca Ghini è 14° con 10,66m. Andrea Fagliarone è di bronzo nel martello maschile con 52,24m, mentre con l’attrezzo riservato alla categoria Allievi Nicola Donati ottiene il primato personale con 51,72 e tra gli Juniores Vittorio Ragazzini conclude con 41,80.

Saltatrici in lungo in crescita: Alessandra Sabattini è 20^ con 4,81m, Martina Goni 26^ con 4,57, Valentina Bianchi 28^ con 4,33m, Matilde Martinelli 29^ con 4,27m, Giorgia Cava 31^ con 4,14, Gaia Babini 33^ con 4,06 e Lucia Fabbri 36^ con 3,59. Ottimi risultati anche dai lanci: nel peso assolute è di bronzo Ilaria Rubbi con 10,79 metri, mentre tra le Allieve vince la martellista Elena Odion (11,62) davanti a Sophia Osayande (bronzo con 9,70). Odion fa doppietta vincendo il martello Allieve con 49,81 metri e rifacendosi dopo la giornata no dei campionati italiani, con al secondo posto Elena Ghini con il primato personale di 45,09 metri. Al quinto posto Giulia Tampieri conclude con 33,49 ed è ottava Sophia Osayande con 26,88m. Giorgia Strazzari è invece quarta nel martello assolute concludendo con 40,33 metri.

Podio del salto in alto femminile con Idea Pieroni (Carabinieri, 1^), Nicole Romani (Fratellanza, 2^), Anna Bondi (Fratellanza, 3^) e Marta Morara

Oltre a queste gare bisogna evidenziare l’elevato livello nell’alto femminile: la gara ha visto Guia Fattorini al 13° posto con 1,45 davanti a Emma Stanzani (14^, 1,30) e Destiny Adimoha (16^, 1,30m), ma è stata vinta dall’azzurrina Idea Pieroni (C.S. Carabinieri), compagna di allenamento di Marta Morara a Siena che ha migliorato il suo primato personale portandolo a 1,86 metri. Al secondo e terzo posto due atlete della Fratellanza, Nicole Romani con 1,75 e Anna Bondi con 1,61.