Categoria: Cadetti

Campionati italiani allievi, sfortunata Rai. Palmonari quinta in rappresentativa, vittorie per Mengozzi e Mazzini.

miglior risultato della manifestazione è il nono posto di Lovepreet Rai negli 800 allieve, ma il risultato è agrodolce: Rai conclude infatti al secondo posto nella sua batteria, con un ottimo 2’15’’80 che rappresenta il suo secondo miglior tempo di sempre, ed è in lizza per l’ingresso in finale tramite i tempi di ripescaggio (quattro batterie, passano le prime atlete più i quattro migliori tempi), ma nella terza batteria un’altra atleta corre il medesimo tempo. Tutti si aspettavano una finale a nove invece che a otto, ma la giuria controlla invece i millesimi di secondo dei tempi delle due atlete: con 2’15’’794 Sofia Camagna della Bracco entra in finale, mentre Rai con 2’15’’797 rimane fuori per soltanto tre millesimi di secondo. L’atleta di Ercolani non si abbatte e corre anche i 1500 metri il giorno successivo, conclusi al 12° posto (terza nella propria serie) in 4’47’’31, secondo miglior tempo di sempre anche su questa distanza a 15 centesimi dal primato personale.

Nelle altre gare Sophia Osayande ottiene l’undicesimo posto nel lancio de disco con 32,27 metri, ottimo risultato dato che entrava in gara con la 20^ misura tra le partecipanti. Nel lancio del martello Elena Ghini è sedicesima con il primato personale di 45,85 metri, migliorandosi di quasi un metro (primato precedente 44,93m); nel secondo gruppo, il più accreditato, delude Elena Odion con 43,73 metri e il 20° posto finale. Nel martello maschile è invece 25° Nicola Donati con 39,19 metri. Sui 100 metri Enrico Yeboah Moses conclude in 11’’30 (-1.0), mentre nella marcia femminile è 27^ Asja Cilini con 27’49’’74 sui 5000 metri, al rientro dopo alcuni problemi fisici.

Al Trofeo Pratizzoli, manifestazione per le rappresentative regionali della categoria Cadetti, è quinta l’altra marciatrice Beatrice Palmonari in 16’59’’59, scendendo per la prima volta sotto ai 16’ e abbattendo il primato personale precedente di più di 20 secondi. Sempre a livello giovanile si è disputato un meeting di prove multiple Cadetti con gare di contorno per la categoria Ragazzi. Nel pentathlon Cadette medaglia d’oro per Letizia Mengozzi con 3117 punti (14’’ negli 80 metri con ostacoli, 1,32m nel salto in alto, 4,06m nel salto in lungo, 25,27m nel giavellotto e 1’44’’1 nei 600m). Tra i Ragazzi invece Matteo Mazzini ha vinto i 1000 in 3’10’’2 e si è classificato al quinto posto nei 60 metri.

Campionati Italiani: Dall’Osso PB tra le Promesse, Dottori bronzo ai master. Cadette terze ai CDS, bene Morara in Germania.

Nel fine settimana dell’11 e 12 giugno si sono svolte diverse gare che hanno visto gli atleti imolesi protagonisti. Tra le categorie assolute da evidenziare i Campionati Italiani Promesse, mentre per le squadre Cadette e Cadetti hanno disputato la finale regionale dei CDS.

Ai Campionati Italiani di Firenze Riccardo Dall’Osso si migliora nei 3000 siepi correndo in 9’40’’31, primato personale di 16 centesimi nonostante la temperatura molto elevata. Bene anche Francesca Casprini (8^ nel lancio del disco con 41,96 metri), mentre Irene Gullini conclude i 400 metri ad ostacoli in 1’06’’85. Giornate no per Sofia Zanotti (12^ con 5,38 metri nel lungo) e per i due ostacolisti Martino Filippone e Valentina Bianchi, che dopo aver colpito un ostacolo non terminano le rispettive gare.

A Ravenna si è svolta invece la finale regionale dei CDS Cadetti e Cadette. Le due formazioni portano a casa ottimi risultati nella classifica finale di società, con le femmine al terzo posto e i maschi al sesto. A livello individuale da segnalare la vittoria della formazione 4×100 maschile, con Antonio Pio Dettoli, Luca Martelli, Luca Giovannini e Chris Garsone sul gradino più alto del podio in 48’’54. Oro anche nella marcia femminile, con Beatrice Palmonari vittoriosa sui 3000 metri con il tempo di 16’28’’79 (quarta migliore prestazione di sempre, a sette secondi dal primato personale: Beatrice ha corso cinque volte tra i 16’21’’ del suo primato e i 16’30’’ nel 2022!). Nella stessa gara è ottava Aida Folli con 19’50’’30.

Altre medaglie dai settori femminili di lanci e nel mezzofondo: nel martello è seconda Emma Cervellati con 27,22 metri, con Bianca Balducci quarta con 26,67. Nei 1000 metri Giada Martelli ottiene la medaglia di bronzo con il primato personale di 3’15’’59, mentre Viola Di Renzo è sesta con 3’19’’39. Bronzo anche nei 1200 metri con siepi per Letizia Mengozzi, che porta il suo primato personale a 4’07’’23 mentre Rebecca Musto conclude settima con il primato personale di 4’25’’67.

Altri piazzamenti di rilievo: al maschile Alessandro Merlini è quarto nel giavellotto (35,93m) e settimo nel martello (32,29m); Riccardo Nataloni conclude 5° nei 300 ostacoli (43’’67) e sesto nei 1200 siepi (3’49’’46); Luca Avoni ottiene un doppio settimo posto, nel salto in lungo (5,37m) e nel salto in alto (1,56m). Tra le cadette nei 2000 metri sesto posto per Di Rienzo (7’20’’54) e nono per Musto (7’38’’31); settimi posti nel lancio del giavellotto per Balducci (24,29m), nel salto in alto per Sofia Pirazzoli (1,40m) e nel salto con l’asta per Maddalena Pagani (1,90m al primo tentativo). Nell’asta ottiene 1,90 anche Pirazzoli, ma il maggior numero di errori la fa retrocedere al nono posto nella classifica finale. Infine la 4×100 femminile, formata da Anita Afflitti, Beatrice Palmonari, Giada Martelli e Eva Turrini conclude ottava con 56’’28.

Altri risultati del settore assoluto e master in Italia e in Europa: ai Campionati Italiani Master l’inossidabile Daniele Dottori (categoria SM60) ottiene la medaglia di bronzo negli 800 con 2’24’’29 e il quarto posto nei 1500 con 4’50’’92. Al meeting “Tag der Überflieger” di Essen, in Germania, Marta Morara pareggia nuovamente il primato personale outdoor saltando 1,85m, con un buon tentativo a 1,88 per il terzo posto finale. Al Memorial Serresi di Ancona Mattia Turchi migliora di un decimo il personale sugli 800 concludendo in 1’55’’58.

30 aprile e 1° maggio: Andrea Mazzanti campione regionale nel decathlon

  1. Nel fine settimana appena trascorso si sono svolti diverse gare: due meeting per le categorie assolute a Modena (comprendenti anche i Campionati Regionali di prove multiple, rinviati il 24 aprile per il maltempo) e due per le categorie giovanili, con le Cadette a Ravenna e i Ragazzi a Faenza.

A Modena, nelle prove multiple Andrea Mazzanti si laurea campione regionale assoluto nel decathlon, portando il proprio primato personale a 5344 punti. I suoi risultati sono stati 11’’54 sui 100 metri, 52’’18 sui 400, 5’23’’90 sui 1500, 16’’71 sui 110 ostacoli; 1,65 nel salto in alto, 2,90 nell’asta, 6,42 nel lungo; 9,42 metri nel getto del peso, 30,36 nel disco e 34,71 nel giavellotto.

Nel 1° Meeting CUS Unimore, organizzato contemporaneamente, si mettono in luce sui 200 metri Gianni Bonetti, che conclude al nono posto seguito da Pietro Carnevali (31°, 23’’18) e da Matteo Rosadi (40° in 23’’48). A livello femminile Silvia Bovolenta è 22^ in 26’’02, terza migliore prestazione di sempre a tre decimi dal proprio primato. Irene Gullini si migliora concludendo in 27’’68 (51^), mentre Alice Santi è 62^ in 28’’42.

I 400 metri maschili vedono Mattia Turchi concludere in 52’’69; si migliorano Leonardo Lodolini (52’’90, prima volta sotto ai 53’’ dopo il 53’’01 della settimana precedente) e Federico Ferrucci (53’’51), mentre Jacopo Torri conclude in 55’’54. Tra le donne primato personale per Lovepreet Rai, che con 59’’42 ottiene anche la medaglia di bronzo.

Nel mezzofondo Riccardo Gaddoni conclude gli 800 al quarto posto in un non soddisfacente 1’56’’62, mentre nei 3000 Riccardo Dall’Osso firma il nuovo primato personale con 9’07’’71. Nel salto in lungo medaglia d’argento per Stefania Di Cuonzo, che atterra a 5,65 metri.

Il giorno successivo a Modena si è svolto il meeting nazionale “Frate 1874 meno 2”. Le gare (così come la seconda giornata del decathlon di Mazzanti) sono state caratterizzate dal maltempo: sui 100 metri Gianni Bonetti ha concluso al nono posto con 11’’21, con Enrico Yeboah Moses 11° in 11’’43; sui 110 ostacoli Martino Filippone termina quinto in 16’’40. Nel salto in alto era iscritta anche Marta Morara per il debutto stagionale, ma date le condizioni climatiche sfavorevoli le partecipanti hanno optato per una “gara-allenamento” nella non performante pedana indoor, senza la possibilità di registrare i risultati. Marta ha saltato 1,79 metri al primo tentativo, sbagliando di poco la misura di 1,83.

Nella giornata di sabato è andato in scena anche un meeting riservato alla categoria Ragazzi, con ben 38 giovani atleti/gara. Sui 60 metri Riccardo Babini è quarto con 8’’4, con lo stesso tempo del terzo classificato; dietro di lui Diego Fabbri è decimo (8’’9). Matteo Mazzini vince i 1000 in 3’11’’7, con Davide Frascari sesto in 3’22’’8. Diego Fabbri ottiene anche la medaglia di bronzo nel salto in alto con 1,43 metri, mentre Riccardo Babini e Davide Frascari scendono in pedagna anche nel lungo (concluso rispettivamente al quinto e al 10° posto con 4,29 e 4,03 metri). Matteo Mazzini è nono nel lancio del vortex in 36,16. Tra le Ragazze medaglia d’oro per Francesca Grazioso nei 2000 metri di marcia in 11’23’’0, con Francesca Morgano sesta in 14’20’’9. Nei 1000 Greta Bassi è ottava in 3’45’’4, con Nicole Pasini decima in 3’47’’1. Caterina Gozzi è sesta nei 60 ostacoli in 10’’8.

Nell’altra gara giovanile in programma nel fine settimana, il meeting di Ravenna per i Cadetti, si migliorano Letizia Mengozzi e Viola Di Renzo nei 1000, rispettivamente prima in 3’13’’4 e terza in 3’17’’7; nei 3000m di marcia vince Beatrice Palmonari in 16’12’’8 con Sara Ragazzini al secondo posto in 18’36’’.

Ricomincia la pista: 10.000, marcia e gare giovanili, i risultati del weekend

Il fine settimana del 9 e 10 aprile ha coinciso con il ritorno dell’attività su pista, in particolare con i Campionati Regionali dei 10.000 metri, con la prima fase dei CdS nazionali di marcia e con le prime gare giovanili della stagione.

A Correggio sui 25 giri di pista Luis Ricciardi ottiene il proprio primato personale e la seconda migliore prestazione imolese di sempre con 30’09’’27. Nonostante Luis abbia comunque margine di miglioramento (tempo frutto di una prima parte di gara eccessivamente forte, per poi avere una flessione nella parte centrale e un ulteriore incremento nella parte finale), il record del Presidente Cavini è ancora salvo. Nella stessa manifestazione ma nella serie precedente risulta ritirato il pugliese Giovanni Rizzi.

Ad Alessandria si è invece svolta la prima prova dei CdS nazionali di marcia, nella quale hanno gareggiato i giovani marciatori di Augusto Conti. Nella prova di 2000 metri riservata alle Ragazze Francesca Grazioso ottiene la medaglia d’argento con 11’28’’15, mentre al maschile Giacomo Martelli è ottavo con 14’10’’58, primato personale. Tra le Cadette sui 3000m è di bronzo Beatrice Polmonari con 16’29’’26, ad un secondo dal proprio primato, con Sara Ragazzini 20^ in 18’17’’91 e Aida Folli 25^ in 19’24’’25. Tra le Allieve ottimo quarto posto per Asja Cilini che si mostra nuovamente tra le prime posizioni nella propria categoria: i 5000m sono conclusi con il nuovo primato personale di 27’22’’68.

Infine a Sasso Marconi sono scesi in pista i giovani atleti delle categorie giovanili, nel meeting che vedeva in scena i campionati provinciali di staffette e alcune gare di contorno. Riguardo alle staffette, le formazioni cadette portano a casa due medaglie. Prima Viola Di Renzo, Giada Martelli, Letizia Mengozzi e Rebecca Musto sono di bronzo nella 4×100 con il tempo di 56’’0; successivamente Di Renzo, Martelli e Musto arrivano seconde nella 3×1000 mentre Mengozzi era impegnata nel salto in lungo, concluso al quarto posto con 4,06 metri.

Nei Ragazzi scendono in campo due staffette 4×100. Riccardo Babini, Matteo Marabini, Giulio Bernardi e Davide Benini sono quarti con 59’’9, mentre Alessandro Ferlini, Filippo Terziari, Alessandro Mele e Alessandro Loreti concludono decimi con 1’04’’6. Due formazioni in gara anche nella 3×800, con l’argento di Davide Frascari, Marco Cremonini e Matteo Mazzini (7’48’’6) e il sesto posto di Leonardo Masciulli, Manuel Malavolti e Fabrizio Sereni (9’16’’5). Matteo Mazzini era in gara anche nel getto del peso, concluso al quarto posto con 9,21 metri.

Tra le Ragazze scendono in pista due staffette 4×100. La prima, che vedeva in gara Carlotta Piancastelli, Emma Bertinazzi, Elena Sembianti e Linda Bacchilega, conclude al sesto posto in 1’01’’7, mentre la seconda (Elena Colucci, Giulia Maria Grassi, Nicole Pasini e Laura Gordini) è 17^ con 1’06’’7. Infine, medaglia anche per la 3×800 ragazze, con il secondo posto di Greta Bassi, Emma Castagnari e Lara Leonardi con il tempo di 8’20’’1.

Prove multiple, corsa campestre e corsa su strada nel fine settimana

Il fine settimana appena trascorso ha visto due campionati italiani: al Palaindoor di Padova sono andati in scena i Campionati Italiani di prove multiple indoor, mentre al campo di aviazione della triestina Sgonico (TS) si è svolta Festa del Cross 2022. Infine, a Imola è andata in scena la 46^ edizione della mezza maratona cittadina “Corri con l’Avis”.

Simone Ronzoni (foto Fidal Veneto)

A Padova il multiplista Simone Ronzoni ottiene un ottimo quarto posto nell’eptathlon promesse con 4851 punti, che rappresenta la sua terza migliore prestazione personale di sempre, a 200 punti dal PB. Simone ha ottenuto 7’’59 nei 60 metri, 6,82m nel salto in lungo, 10,29m nel getto del peso, 1,74m nel salto in alto, 8’’84 nei 60hs (a 3/100 dal primato personale), 4,30m nel salto con l’asta e 2’43’’71 nei 1000: tutti i risultati delle ultime tre prove rappresentano la seconda migliore prestazione in carriera nella specialità.

Letizia Mengozzi (foto Atl-Eticamente)

Ai campionati italiani di cross invece il risultato più importante è il 49° posto di Letizia Mengozzi, 49^ al primo anno di categoria nella prova riservata alle Cadette, sulle 159 atlete partecipanti. Per Letizia si trattava del primo campionato italiano, corso con la maglia della rappresentativa regionale, affrontata tra l’altro con un problema ad una caviglia dopo una storta sofferta in allenamento qualche giorno prima. Nel cross corto (3km) buon 20° posto di Luis Matteo Ricciardi. La squadra Allieve dell’Atletica Lugo, con Lovepreet Rai (57^), Tessa Cristoferi (131^), Giulia Conti (153) e Serena Plazzi (166^) si porta al 32° posto della classifica di società, mentre Riccardo Ghinassi, atteso al via della prova Juniores, non ha terminato la gara a causa di un fastidio ad un tallone sofferto nelle ultime settimane.

La squadra Allieve ai Campionati Italiani di cross (foto Atl-Eticamente)

Contemporaneamente a Imola andava in scena la Corri con l’Avis, la mezza maratona cittadina giunta alla 46^ edizione. La gara ha visto un nuovo percorso ancora più duro del primo, con partenza in viale Dante verso l’Autodromo, poi quattro giri del circuito e ritorno nel centro cittadino. Doppio successo al femminile, con Federica Cicognani che sale sul gradino più alto del podio in 1h31’14’’ e Giada Monti prima nella categoria Donne A (e quarta assoluta), in 1h42’31’’; molto bene anche Micaela Contoli, seconda tra le Donne B. Tra gli uomini il primo imolese è il versatile Matteo Biagi, 15° in 1h25’41’’. Portano in alto i colori imolesi anche Antonio Gaddoni, 39°, e Tiziano Morini, 55° e 7° nella categoria Veterani B.